lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

COAZZOLO - TRA ARTE E FANTASIA

partenza 
Coazzolo
arrivo 
Coazzolo
lunghezza 
500 metri, solo andata
tempo di percorrenza 
15 minuti solo andata
difficolta' del percorso 
lineare andata/ritorno su asfalto, traccia erbosa

File downloads

Per chi: per tutte le età

Non adatto ai passeggini (bambini piccoli portati nello zaino portabimbo)

Dislivello: +60 metri solo andata

Distanza: 0,5 km solo andata

Tempo necessario: 0,15 ore solo andata

Tipo di percorso: lineare andata/ritorno su asfalto, traccia erbosa

Quota di partenza: 340 metri

Quota di arrivo: 400 metri

Quando: tutto l’anno in assenza di neve

 

Facilissima passeggiata adatta anche alle gambette più corte che unisce arte e fantasia allo stato puro, partendo da un’insolita e colorata chiesetta panoramica per poi attraversare le vigne di moscato così da arrivare ad un’esposizione di pastelli…. giganti!

Da Coazzolo si percorrono circa 1,8 km di strada collinare (cartelli marrone “Cappella di Tremlett”) arrivando al piccolo parcheggio adiacente a questa cappella campestre posta in posizione panoramica sulla cresta di una collina. Già solo la vista che si ha da questo punto merita la gita, ma la cappella, dedicata alla Beata Vergine del Carmine e risalente al Seicento, aggiunge un tocco vivace assolutamente imperdibile. L’opera è dell’artista inglese David Tremlett (lo stesso che, con l’americano Sol Lewitt ha messo mano alla nota “cappella delle Brunate” di La Morra). Accanto alla cappella, uno spiazzo ospita alcune panchine che invitano alla meditazione davanti ad un panorama grandioso.

Dopo essersi rigenerati con il panorama e con i colori della cappella, si danno le spalle all’edificio sacro per continuare un breve tratto di asfalto, passando davanti all’ingresso di una azienda agricola. La strada procede in leggera salita, ma, quando curva a sinistra, in discesa, la si abbandona per una evidente pista erbosa sulla destra (cartello “Vigna dei Pastelli”) che va in salita più accentuata inoltrandosi tra i filari di vite, puntando grossomodo in direzione di un casotto issato in cima al dosso.

Pochi passi e comincia la magia: i pali di sostegno delle viti posizionati all’inizio di ogni fila sono stati sostituiti da gigantesche e colorate matite a colori, creando un ambiente fiabesco che dà allegria allo spirito, mentre lo sguardo si apre sul panorama grandioso delle vigne di Moscato d’Asti. La passeggiata è breve, ma il tempo che si trascorrerà tra questi filari si dilaterà in modo quasi magico...

Note

A Coazzolo un castello domina dalla fine del XIII secolo il piccolo borgo ed i dintorni. Poco a nord del centro, verso il cimitero, si trova invece una delle colorate panchine giganti che da qualche tempo sono apparse tra le colline di Langhe Monferrato Roero.

Informazioni utili 
per tutte le età, Non adatto ai passeggini (bambini piccoli portati nello zaino portabimbo)
Avvertenza generica valida per tutti i tracciati:
Le informazioni contenute non impegnano la responsabilità di autori, verificatori ed editori del percorso a causa delle possibili variazioni dello stato di percorribilità degli itinerari proposti.