lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

San Damiano d'Asti

16 Km da Asti, 107 m s.l.m.
Abitanti: 1438

Paesaggio

Situata nella valle del Borbore, la bella cittadina s’incunea tra le Langhe, l'Alto Monferrato e il Roero. Gli antichi  bastioni sono oggi piacevoli viali alberati dai quali godere scorci sul borgo e sul paesaggio.

Storia

I cronisti del tempo documentano l’origine del Comune nel 1275 quando, durante l’invasione del Piemonte da parte di Carlo d’Angiò, gli Astesi assediarono, distruggendoli, i castelli di Gorzano, Castelnuovo, Lavezzole e Marcellengo  obbligando gli abitanti  dei relativi villaggi  a trasferirsi nel nuovo insediamento fortificato. La pianta è ancora oggi quella dell'Oppidum romano con una strada maestra tagliata da 10 contrade. San Damiano rimase soggetto ad Asti ma con un suo governo comunale.

Arte 

San Damiano conserva un piacevole centro storico attraversato dalla porticata Via Roma. Il Palazzo Comunale, costruito neI Settecento, era la residenza dei Conti Carlevaris. Al piano nobile sono ancora perfettamente conservati la bella “Galleria” e le sale, tra cui quella consiliare ricca di stucchi ed ornamenti. La chiesa parrocchiale dei SS. Cosma e Damiano ha per campanile una delle torri circolari dei bastioni medioevali. A fianco la confraternita dell'Annunziata che conserva il bellissimo gruppo statuario ligneo dell' Addolorata dello scultore torinese Stefano Maria Clemente. Poco distante La parrocchiale di San Vincenzo, di origini gotiche, fu modificata nel Seicento. La Chiesa di San Giuseppe è una delle più belle chiese del barocco piemontese. L'interno ha una ricca decorazione pittorica eseguita dai fratelli Pietro Antonio e Giovanni Pietro Pozzo tra il 1741 e il 1744. Le antiche fortificazioni sono oggi viali alberati che circondano il centro. In frazione San Giulio la chiesa conserva il campanile romanico e ospita una preziosa Madonna in marmo duecentesca. 

Enogastronomia

Durante l'anno alcune fiere celebrano i prodotti locali: a marzo (Fiera di San Giuseppe) il vino nuovo (Barbera d'Asti, Cisterna, Nebbiolo, Freisa d'Asti)., a novembre il Tartufo Bianco (Fiera dei Santi) e a dicembre il Cappone. Da non dimenticare i tipici dolcetti (“sandamianesi”) al cacao e alle nocciole.

www.comune.sandamiano.at.it